Gennaio 12, 2021
Riprogrammare il Cervello per Guarire

Come Riprogrammare il Cervello per Guarire?

Joe Dispenza ha studiato biochimica alla Rutgers University nel New Jersey. È dottore in chiropratica presso la Life University di Atlanta. Ha studiato neurologia, neurofisiologia, biologia cellulare, genetica, chimica del cervello, invecchiamento … Ha trascorso decenni a studiare la mente umana.

È autore e docente sul funzionamento del cervello e sulla sua capacità di apprendere. È intervenuto nel famoso documentario ¿Y tú qué sab!?, (What the beep do we know?), Dove parla delle sue teorie sulla capacità dell’uomo di raggiungere la salute fisica e mentale, intervenendo solo nei nostri pensieri.

Il biochimico e studioso del funzionamento del cervello Joe Dispenza difende il potere di questa parte dell’essere umano di reinventarsi ogni giorno. Parla di chimica, fisica, abitudini, riprogrammazione e un’intelligenza superiore che chiama così tanto divino, spirituale o subconscio.

È possibile riprogrammare il cervello per guarire?

Intervista con il Dr. Joe Dispenza, che spiega come il cervello può essere riprogrammato per guarire, in questa intervista parla di neuroscienze, fisica quantistica e recenti scoperte scientifiche.

L’Universo si manifesta sempre e sembra che ci sia una mente universale che mantiene le cose in un certo ordine.

La fisica quantistica spiega il punto d’incontro tra spiritualità e scienza?

Sì; Credo che il piano quantico sia il piano spirituale. Penso che quando abbiamo abbastanza persone che stanno abbracciando seriamente l’idea di usare il piano quantico per dirigere il loro destino, la scienza dovrà studiare quegli individui che sono addestrati e bravi a farlo, e quindi dovrà valutare e aggiornarsi per Spiega che la mente soggettiva sta influenzando il mondo oggettivo e che è l’inizio del vero cambiamento. Il cambiamento avverrà quando avremo abbastanza persone in grado di utilizzare il piano quantico in modo coerente, che possono intenzionalmente focalizzare la propria mente soggettiva in una determinata direzione e avere un considerevole controllo sul loro mondo oggettivo e che possono farlo ripetutamente.

Ogni volta che pensiamo di produrre sostanze chimiche?

Esatto, e queste sostanze a loro volta sono segnali che ci permettono di sentire esattamente come stavamo pensando. Quindi, se hai un pensiero infelice, dopo alcuni secondi ti senti infelice. Il problema è che nel momento in cui iniziamo a sentire il modo in cui pensiamo, iniziamo a pensare come ci sentiamo e questo produce ancora più chimica.

Così viene creato ciò che chiamiamo lo stato dell’essere. La ripetizione di questi segnali provoca l’attivazione di alcuni geni e la disattivazione di altri. Memorizziamo questo stato come la nostra personalità, quindi la persona dice: “Sono una persona infelice, negativa o colpevole di colpa”, ma in realtà tutto ciò che ha fatto è memorizzare la sua continuità chimica e definirsi tale. Il nostro corpo si abitua al livello di sostanze chimiche che circolano nel nostro flusso sanguigno, circondano le nostre cellule o inondano il nostro cervello. Qualsiasi disturbo nella composizione chimica costante, regolare e confortevole del nostro corpo provocherà disagio.

Proponi di cambiare la chimica del cervello con il nostro pensiero?

Fa parte del mio lavoro, non si tratta solo di cambiare la chimica del cervello, ma anche i circuiti del cervello, il cablaggio. Se riusciamo a forzare il cervello a pensare con altri schemi o sequenze, stiamo creando una nuova mente. Il principio della neuroscienza è che se le cellule neuronali vengono attivate insieme, si intrecciano creando una connessione più permanente. Una persona in una situazione, per quanto nuova, ricorre a quella connessione, cioè ripete sempre lo stesso pensiero e dà sempre le stesse risposte, il suo cervello non cambia, vive con la stessa mente ogni giorno.

Ricerche scientifiche all’avanguardia stanno dimostrando che la genetica ha la stessa plasticità del cervello. I geni sono come interruttori, ed è lo stato chimico in cui viviamo che si accende e altri si spengono.

Hai studiato cure miracolose … Quali conclusioni hai tratto?

Dopo aver studiato le remissioni spontanee e miracolose, ci sono quattro cose in comune nella maggior parte delle persone che hanno avuto una remissione dalla loro malattia.

La prima cosa è che tutti hanno accettato e creduto che esistesse un’intelligenza che viveva al loro interno, chiamandola intelligenza spirituale o intelligenza universale. Tutte queste persone accettarono che c’era un ordine innato che dava loro la vita; e hanno pensato che non c’era nulla di mistico sull’intelligenza, che faceva battere il cuore, digerire il cibo, creare nuove cellule ogni giorno. Fondamentalmente dava loro abbastanza vita e potevano interagire e connettersi con questa intelligenza e dirigerla per guarirle. Pensavano di essersi allontanati da questo livello mentale, da questa mente superiore e che se avessero potuto iniziare a sviluppare una relazione con questa mente e avvicinarsi ad essa, avrebbe preso il controllo e avrebbe iniziato a riparare i suoi squilibri.

Il secondo è che tutti hanno accettato che i loro pensieri, il loro modo di pensare per un periodo di tempo (venti o trenta anni), le loro reazioni, i loro atteggiamenti, hanno creato la loro malattia; che vivevano quotidianamente con emozioni e pensieri distruttivi di insicurezza, sofferenza e handicap e che queste emozioni e pensieri stavano letteralmente rompendo i tessuti. Perché ogni volta che abbiamo un pensiero creiamo una sostanza chimica. Se abbiamo pensieri grandi e felici creiamo sostanze chimiche che ci fanno sentire fantastici e felici; Se abbiamo pensieri negativi, infelici o autodistruttivi, creiamo sostanze chimiche che ci fanno sentire infelici e distruttivi. Quindi i pensieri assumono una forma chimica e questo dà il segnale al corpo per permetterci di sentire esattamente il modo in cui stiamo pensando.

Il terzo è che hanno dovuto reinventarsi; Decisero di porsi alcune domande importanti: come mi sentirei felice? Chi conosco nella mia vita chi è una persona felice? Cosa devo cambiare di me stesso per vivere con gioia? A che punto della mia giornata divento inconscio e negativo? Chi ammiro dalla storia? Iniziarono a porre domande importanti. Ponendo queste domande, hanno costretto i loro cervelli a iniziare a pensare in modi nuovi. Cominciarono a interrompere il programma di pensiero e sentimento e iniziarono letteralmente a costruire nuove connessioni neurologiche nel loro cervello, che fungevano da piattaforma o palcoscenico per diventare una nuova persona. Questa nuova persona ha inviato nuovi segnali (cioè i prodotti chimici nei suoi pensieri) che hanno iniziato a cambiare il suo corpo e la sua salute.

La quarta cosa è che, quando hanno trascorso il tempo a pensare e provare chi volevano diventare, quando si sono seduti e si sono concentrati su quell’individuo, hanno avuto lunghi momenti in cui hanno perso la cognizione del tempo e dello spazio. In altre parole, erano così concentrati su ciò che stavano pensando che quando aprirono gli occhi e accesero la luce nella stanza si aspettavano che fossero trascorsi dieci o quindici minuti quando in realtà era passata un’ora o un’ora e mezza, il che significa che avevano fatto pensato più reale di ogni altra cosa. Quando lo facciamo, il cervello inizia a tracciare questi cambiamenti e a formulare nuove reti neurali.

Quali domande dovremmo porci per sentirci diversamente?

Molte persone credono che le emozioni siano reali. Emozioni e sentimenti sono il prodotto finale, il risultato delle nostre esperienze. Se non ci sono nuove esperienze o vissute in un altro modo, viviamo sempre nell’aggiornamento dei sentimenti del passato. È sempre lo stesso processo chimico.

Una domanda che ci aiuterebbe a cambiare è: che sensazione provo ogni giorno che serve da scusa per non cambiare? Se le persone iniziano a dire a se stesse: posso eliminare la colpa, la vergogna, i sentimenti di non meritare, di non valere …; Se riusciamo a eliminare questi stati emotivi distruttivi, iniziamo a liberarci, perché sono questi stati emotivi che ci spingono a comportarci come animali con grandi quantità di ricordi. Qual è il più grande ideale di me stesso? Cosa posso cambiare di me stesso per essere una persona migliore? Chi nella storia ammiro e cosa voglio emulare?

La conoscenza è per la mente; l’esperienza, per il corpo. Dobbiamo insegnare al corpo ciò che la mente ha capito intellettualmente. Se continuiamo a ripetere quell’esperienza, questa è archiviata in un nuovo sistema nel cervello e ciò ci consente di passare dal pensare al fare, all’essere.

L’abitudine più grande che dobbiamo rompere è quella di essere noi stessi, perché la neuroscienza e la psicologia dicono che la personalità è già formata prima dei 35 anni, ciò significa che abbiamo i circuiti fatti per essere in grado di affrontare qualsiasi situazione e, per Pertanto, penseremo, sentiremo e agiremo allo stesso modo per il resto dei nostri giorni.

Ma gli ultimi studi mostrano che è possibile cambiare la personalità in tutte le fasi della vita, poiché è necessario trasformare l’abitudine inconscia in qualcosa di cosciente, prendere coscienza di quei pensieri e sentimenti inconsci.

INTERVISTA A JOE DISPENZA (LA VANGUARDIA)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: