Alejandro Jodorowsky Figli che non amano i genitori

Perché ci sono Figli che non Amano i Genitori?

Quando vediamo un figlio che non ama i suoi genitori e mostra di essere indifferente a loro, non è colpa sua ma responsabilità dell’adulto.

Il bambino, con i suoi genitori, è come uno specchio. Se una madre guarda sempre il suo bambino con una faccia inespressiva, il bambino crescerà con profondi problemi mentali. Una madre che tiene in braccio il suo bambino, quando lei gli sorride, lui istintivamente la imita e sorride. Allo stesso modo, quando lei gli mostra un volto amorevole, lui esprime lo stesso sentimento. È uno scambio.

Se un padre che è assente o egocentrico tratta il suo bambino con indifferenza, non gioca con lui, non ride con lui, non loda i suoi valori o non lo accarezza, il bambino risponderà con la stessa indifferenza.

Gli adulti che partecipano al funerale dei loro genitori senza versare una sola lacrima e senza sentire nulla sono il prodotto di una tale situazione: non essendo amati, sono incapaci di sentire amore. I loro cuori sono corazzati. Non possiamo dire che il loro cuore sia vuoto.

Se quello che stai cercando non è in te, non è da nessuna parte.

Nella natura dei mammiferi si trova questo tipo di amore. Probabilmente perché sono a sangue caldo, nei periodi di freddo intenso, le coppie e la loro prole avevano bisogno di proteggersi unendo i loro corpi per ottenere calore; se non si univano, erano in pericolo di morte. Forse è per questo che l’amore è associato al calore e l’indifferenza al freddo.

Ma potrebbe anche essere che l’amore sia già determinato nei geni. Non è che i genitori e i figli non si amino, è solo che non sanno come manifestare e vivere correttamente questo amore.

Questo è dovuto a problemi inerenti all’albero genealogico, per esempio, avendo sofferto l’abbandono o non avendo ricevuto l’affetto necessario, alcune persone hanno paura di amare, e credendo di non meritare ciò che desiderano, allora si trincerano o fuggono o si camuffano o attaccano. E questo penoso rapporto si ripete di generazione in generazione.

Un uomo che non ha ricevuto l’amore paterno non sa essere padre, così come una donna rifiutata da sua madre non sa essere madre.

Cosa fare in questa situazione?

Quando pensiamo di non avere sentimenti paterni o materni, dobbiamo confidare che il nostro centro intellettuale sa cosa significa essere un buon padre o una buona madre. Poi, guidati da esso, dovremmo imitare l’amore dicendo a noi stessi: “I miei figli hanno questo e quel problema o hanno bisogno di questo. Se li amassi bene, cosa farei? E così di imitazione in imitazione, finalmente il cuore si libera della sua corazza e permette all’amore che è sempre stato in esso, ma frenato, di espandersi.

Dal Cabaret Mistico di Alejandro Jodorowsky

About Neuro Emotivo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: