Gennaio 11, 2021
La mente può curare il Parkinson

La mente può curare il Parkinson?

La medicina moderna ha cambiato il corso della storia umana. I progressi nella prevenzione e nel trattamento delle malattie ci hanno permesso di vivere insieme una vita più sana. La nostra conoscenza allargata del corpo umano ha portato l’ordine nel caos. Oggi abbiamo un maggiore controllo del nostro destino rispetto a qualsiasi altro momento nella storia.

Tuttavia, nonostante tutti i progressi della scienza e della medicina, molte domande rimangono ancora senza risposta. Il punto di forza dell’attuale metodologia occidentale è la sua dipendenza dalle prove raccolte attraverso lo studio e / o la sperimentazione. Questa forza può anche essere vista come una debolezza, perché tutto ciò che viene visto come non “mainstream” viene ignorato o ridicolizzato fino al punto di irrilevanza.

La mente può curare il Parkinson?

Una conseguenza di questa filosofia è l’antica convinzione che la mente e il corpo siano due sistemi diversi che non si influenzano a vicenda. Solo pochi anni fa l’idea che i tuoi pensieri positivi o negativi possano influenzare il tuo corpo sarebbe stata considerata pseudo-scienza. Ora, grazie in parte al processo che ho descritto sopra, stiamo cominciando a capire che questi sistemi sono intimamente connessi.

A Michelle è stata diagnosticata la malattia di Parkinson nel 2011. Ha iniziato a prendere il farmaco subito dopo, ma non ha visto un cambiamento nei suoi sintomi. Michelle ha iniziato a venire ai miei seminari nel novembre 2012 e le sue condizioni hanno iniziato a cambiare in meglio.

Michelle ha avuto altri fattori di stress nella sua vita, che esacerbano le sue condizioni. Sua madre si ammalò e sua sorella ebbe un ictus. Ciò significava che Michelle ha trascorso i prossimi mesi viaggiando. Abbiamo iniziato a eseguire scansioni cerebrali nei nostri seminari per vedere l’impatto del lavoro. Il lavoro prevede l’uso della meditazione per aiutare neurologicamente e chimicamente a cambiare il cervello per produrre risultati diversi. Puoi leggere una descrizione più completa del processo facendo clic qui.

La mente può guarire

La scansione del cervello di Michelle da febbraio 2013. Le aree blu indicano una diminuzione del livello di attività cognitiva.

Le scansioni hanno rivelato alcuni risultati interessanti. Michelle è stata testata all’inizio di uno dei nostri seminari avanzati. Abbiamo visto alti livelli di iperattività e incoerenza. Abbiamo testato di nuovo Michelle qualche giorno dopo, verso la fine del seminario. Il suo cervello era diventato più calmo, più equilibrato e più coerente. Forse la cosa più importante che stavo vivendo era che non ci sono tremori involontari, contrazioni o problemi motori che sono normalmente associati al morbo di Parkinson.

la mente batte il Parkinson

Seguito dato allo scanner Michelle nel febbraio 2013 dopo i quattro giorni di Advanced Workshop. Le aree verdi nelle immagini rappresentano l’attività normale ed equilibrata del cervello.

Michelle è stata in grado di fare un cambiamento positivo nella sua vita considerando la connessione mente-corpo. La tua scansione del cervello e quella degli altri mostrano che è possibile guarire noi stessi pensando da soli. Possono farlo, ma richiede di uscire dal familiare, fuori dal mainstream – o tutto ciò che è noto – e verso l’ignoto.

Dr. Joe Dispenza - Can the Mind Heal Parkinson’s?

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: